Lirica

Frosecchi, poesia dipinta

Il pensiero diventa poesia senza filtrare attraverso strane elaborazioni mentali, senza aggiustamenti, senza debito con le convenzioni letterarie, il sentimento si traduce in versi.

Nei versi, Paolo Frosecchi esprime se stesso e le sensazioni vissute; lo fa in modo genuino, inconfondibile, vero. Lo fa senza confronti con mode e movimenti ma, semplicemente, scrivendo.

Egli coltiva la realtà e ne coglie i frutti in assoluta libertà, catturando stati d’animo, eventi espressioni di vita che trovano spazio nella raccolta di alcune poesie pubblicate in questi anni:

1960 Inquietudine - Genova
1961 Sul letto- Milano
1962 La nebbia - Milano
1962 Questa sera ancora nebbia- Milano
1963 La farfalla- Milano
1963 Invito a pranzo- Milano
1968 Le amiche- Milano
1972 A mio padre- Milano
1973 Canto d’amore- Milano
1973 Il viaggio- S. Martino di Castrozza
1975 Fratellanza- Milano
1977 Infanzia - Firenze
1977 Dall’album degli specchi - Firenze
1977 Alle otto di sera- Milano
1978 Piazza del limbo - Firenze
1981 Le ore fiesolane- Milano
1981 Genesi- Milano
1981 L’ultimo- Milano
1981 La messa di Natale- Milano
1981 Compleanno- Milano
1981 La magnolia e la ringhiera- Milano
1982 Io- Milano
1983 I segni- Milano
1983 Ombre- Milano
1989 Quando- Milano
1990 Quando tutti erano vivi- Milano
1990 La bambola di Sarajevo- Milano
1991 La Mistica, la Rabbia, il Tempo- Milano
1992 Di lassù - Milano
1994 I muri- Milano
1995 Patente di vita- Milano
1996 La fede- Milano

K. Lubomirski
La mistica - la rabbia - il tempo
Ed. Connect 1998

J.P. Jouvet
Frosecchi
Ed. Ghelfi 1978

A. Gatto e N. Fabretti
Piazza del Limbo
Ed. Nuova Guaraldi 1983